domenica 7 maggio 2017

Lo confesso: ho trovato scorretta
ogni parola cattiva, ogni critica, ogni debolezza.
Non sei rimasta quella di una volta o
forse si,
ma quella che non mi conosceva, quella rigida con il cuore ben nascosto.
E ci sono rimasta male.
Perché questo è quello che decreto:
"Nessuna buona azione resta impunita"
Atrocemente, reale.

Ero nascosta tra piante, e piangevo.
Mi sarebbe stato dovuto un ricordo di noi
e senza volere, perché così batte il cuor mio,
una canzone di infanzia, nostra.
Ho fatto tesoro di quel poco
che distrattamente mi avete concesso,
si, scrivo bene. Lo so.
Ma non mi dite altro.

Passi tutto il meglio della vita sognando di crescere e poi
cresci, e fa abbastanza schifo.
Ho sempre trovato difficile dimenticarsi, di me, intendo.
Ma il tempo diventa più duro, senza fronzoli, sorrisi, nulla.
E così va.
Vi cerco sempre, nascosta tra le piante con la speranza di essere trovata o forse solo
con la speranza di non essere inghiottita io pure, in questo verde di profumo accogliente, che forse, sarebbe comunque
uno splendido contorno.

Ti ho sempre considerato una mia amica
meravigliosa, opportuna, fedele, e ti ricordo sempre così.

Ma fuori da un contesto non adatto, io sparisco. E mi manchi.

martedì 4 aprile 2017

Mi sono accorta di te come di questo
primo sole, in un collo dolorante,
sembravi piccolo, sembravi
in felpa, al liceo.
Non mi sveglierai da questo incubo e
non mi lascerai dormire questo bel sogno.

sabato 4 febbraio 2017

Una lampadina si accende da sola,
adesso. Piccola.

Sento il tuo respiro dalla poltrona,
lo sento rendermi serena, dormi così
dolce,
come se sognassi solo meraviglia.
E qualche istante ti muove appena in
minuscoli versetti ma tu
sembri ancora sorridere, ricordati

dell'estate.

domenica 8 gennaio 2017


non vuoi davvero, sapere
come sto. Non è un segreto, ma noi facciamo finta, così,

dietro l'amore, quella nebbia chiara e
voci cattive, frammenti di vetro,
dietro tutto questo sai
c'è la città.

L'amore per noi è perdersi, disturbare,
l'amore per noi sono urla, e sempre
ferire, ferirsi,
un continuo sanguinare che ti invita, ma
tu sei attratto solo dal male,

dietro questo amore, o forse chissà
per addolcire, questo amore
questo amore sporco, cattivo, dietro intorno insomma c'è

una bellissima città.
Una città che non si sa mostrare, come me.
Una città che si nasconde, per paura, per sconforto.
Come me.
Io l'avevo dimenticata, l'avevo abbandonata,
lei mi aveva deluso, tu, mi avevi deluso.
Sanguinavo su quel grigio di un asfalto consumato,
sola, e tu hai voltato le spalle, sempre.

Oggi nel parco sono sbocciati ricordi,
e poi le anatre i colori e quel castello, freddo e
palazzi, i miei palazzi, la mia storia, era qui, mi aspettava
in un perdono di una giornata di sole,
e in ogni ricordo, c'eravamo noi.
Quando ti penso è come se mi bucassero il cuore come
se sentissi improsvvisamente un buco nel cuore e
da quel buco, tutto, tutto, esce
fuori, scivola cade si rompe si vanifica.

Tu non capisci nessuna mia parola e non
il senso, di tutto questo scrivere, ma vedi non so, nemmeno
un giro di giostra, potresti capire, perchè
di queste cose, le parole i colori le luci e la bellezza solo
di piroettare, tu non ne hai l'anima.
Non mi importa del tuo successo, non
esiste cuore, nervo muscolo non esiste
cartilagine e nemmeno
una musica, un' ombra, un albero di fine estate.
Esisti solo in un completo nero che ti tiene in piedi,
manichino, servitore di plastica, straccio.


lunedì 5 dicembre 2016

Buonasera anime mie,

Vorrei dirvi tante cose ma
fa freddo, io sono indignata e
non me ne dispiace, so,
che non devo reagire così.
Vorrei pregare chi
vanta torti disgustosi come amaro, che
le persone cercano, e vanno cercate.

Ma ascolto ancora menzogne.
Finché mentite, addossando ad altri
le colpe delle vostre mancanze, nessun
amore, meriterete.
Basta, per favore, traumi e consigli,
io non accetto più le vostre responsabilità
sfogate su di me.
E il mio essere aggressiva per voi è una scusa,
una via di uscita facile, ma

vedi, io non ti ho invitato ad accomodarti.
Sei libero di fare ciò che vuoi solo
regalati almeno sincerità con te stesso e
questo perché potrebbe renderti migliore.

Addio belle parole, non ti troverò
mai più ma sai?
Mi hai fatto un grande favore:
il privilegio di essere libera da
tutta la tua triste cattiveria.
Io perdono chiedo scusa faccio
il primo il secondo e anche il terzo passo,
una cortesia, però,

prova dispiacere, per i tuoi errori.
Almeno sarai vivo.



domenica 6 novembre 2016

Ciao, ti stavo forse
aspettando,
accomodati, qui
in questo cortile che assomiglia quasi
a un mare di nebbia e bianco, bello.
Ascoltami, silenzioso spettatore,
un piccolo tavolo, e un solo un bicchiere alto
per una rosa fredda, ascoltami.

Dieci anni fa, stavi dicendo?
Mi ricordo, eri bellissima,
avevi capelli lunghi, gambe sottili, e uno stile
così irriverente e invece
sembravi così timida.
Eri nel momento giusto, al posto giusto,
in una girandola di fine d'epoca tu
l'hai accolta cullandola, amandola
in ogni sua forma, disperata, dolce, cattiva tu
avevi un cuore adatto a ogni emozione,
e ti nutrivi così, divertita, viva,

sono sicura di quanto amore tu abbia ricevuto,
e di quanto tu ne abbia, sorridendo,
regalato, donato come mazzetti di fiori
in primavera, appena profumati, eri
così combattiva.

Poi hai cominciato a fare qualcosa
che ti piaceva, e hai visto le tue creature
su carta, finalmente tue, finalmente
qualcosa di te, finalmente
qualcuno che poteva capirti,
apprezzarti, e tutto poteva quasi
diventare vero se

!bum!

Caro spettatore
intorno a questo tavolino, il solo fiore freddo e tutto, finito.
Ha fatto un gran rumore, ma credo che pochi
lo abbiano davvero udito.

Finito.
Fa freddo, e nulla consola, però
vorrei che per un momento
pensassi a quello che è stato, a quel glorioso,
e vorrei vederti sorridere, vorrei dirti
che siamo stati bravi,
che ogni immagine che ho di te
è bellissima, e priva da ogni sporco,
noi due, le tue espressioni,
le mie carezze svogliate.
Ho imparato ad amarti troppo tardi.

Resta ancora un attimo qui seduto,
scaldami le mani e poi, addio, senza
odio, senza soffrire, con
quella gola straziata
che forse non conosci,
resta ancora un attimo
Caro spettatore,

guarda, stanno spegnendo le luci, e
nemmeno il fiore, è rimasto.




martedì 25 ottobre 2016

Si mescolano le stagioni,

Ma io ti guardo, e non mi piaci.
Non mi piaci nel tuo rinnovarti non mi piaci
nel tuo rumore, in questo fastidio di occhi
da svenimento.

Vorrei salutarti e dirti
che eri bellissima ma
ti sei venduta, e hai perso ogni valore.
Le imprese eroiche non denotano coraggio,
devi parlare reagire affrontare.
E tu non lo hai fatto.
Dominata ormai da un mistero criminale
eccoti, addio.
C'è vento, ma non ti accarezza,
e desolata resto in una quasi nebbia,
non abbiamo altre possibilità,
non mi puoi chiedere il permesso.

Ti auguro di affidarti
a quello che rimane del tuo cuore di
farlo agitare emozionare battere
come accadeva in uno scantinato buio,
tanto tempo fa.
Ti auguro di scegliere sempre
un ventricolo, oppure solo
una semplice vena.

Io, provo a salvarti
in un divano barocco.