lunedì 31 dicembre 2012

Fantasmi,


succedono ancora, cose strane.

Fine dell'anno, voglio
capire queste ombre.
Come possano fare male, non lo so.
Non hanno voce, non hanno corpo,
e sono sicura siano esistite solo
nella mia testolina di nuovo dolcemente mogano rame.
Forse sono solo interessata a questa sfumatura di colore.
O forse ancora, sono solo interessata alle parole, parole sempre
capaci di ferirmi.
Affezionata al tumulto
che riescono a creare,
soprattutto quando vengono usate
a sproposito, a caso, apposta.

Non rivestirò più nulla di estremamente brillanti e difficili
desideri, così che
alla prossima prima fila riuscirò
a non essere delusa.

Ombre care,
anime, presenze, basta.
Vi voglio libere, non esigo nemmeno
una banale scusa,

buona fine e miglior principio, che ogni
giorno sia un
valore, un sogno, o solo il momento
per alzare la mano.

martedì 11 dicembre 2012

cambiamenti in attesa al telefono,


Proposte indecise, proposte ti voglio ma ti spingo via,
proposte smarrite, proposte perse.

Risposte deboli, risposte evasive, nessuna
risposta.

Sono arrivati i libri, poesie che sembrano reali.

La casa al numero 1 è stata venduta oppure c'è solo
una cucina rossa che non ricordavo.
Una cucina rossa come piacerebbe a me, lucida.
La camera numero 4 è stata rifatta, e altre ore di
emozioni, forse,
vivranno tra quelli pareti.
La casina al numero 8 è molto buia, e molto illuminata.

Io, vorrei inviti
possibilmente curati nei dettagli.
Perchè da oggi sono tornata quella di un tempo, non più
la ragazzacarinaocchionitenera ma
nuovamente e uau, LaStizzita.
La versione che sorride, ovviamente,


ecco, qui, per guardare, e leggere,
scattato su carta, qualche favola, qualche articolo:

venerdì 7 dicembre 2012

di elementi,


questa fotografia, questa, scattata questa sera fuori dal balcone, ecco questa immagine
è come noi, è me e te, anzi.
Ci pensavo uscendo dal tunnel della stazione, intorno al minuto 3
di quella musica che impazziva nel mio cuore mentre
il treno sprofondava nella luce, bianchissima, di solo candida neve.
Ci ho pensato, non alla fotografia, scattata dopo, ma a questa cosa di neve io
vivo sono qui,è
neve, mentre tu
vivi sei lì, è
vento.
Non so se conoscete questa cosa pallida e fredda ma
questa cosa è
neve e vento, uniti solo
armoniosi come una tragedia, e forse davvero non credo
esista una neve senza vento ma

io la sento solo scorrere, scendere, sola.

Sono perfetti insieme ma sono elementi opposti e
perdono un leggero eccesso, senza compagnia.

E così è, la musica al minuto 3 mi impazzisce nel cuore e penso
che tu una cosa così, neve, al minuto 3, non la vedrai mai, forse.
E che il tuo cuore non impazzirà, e
mi dispiace, quasi.

Questa foto, questa, scattata questa sera, invece
mi ricorda che esiste un altro elemento uno
che forse, ci unisce davvero, limpido e riflettente, come
mi piace pensare a  me, e te, ed è

acqua, questa foto, è neve con una atmosfera di acqua,
orrendo, e bellissimo, trovo il suo legarci.
L'acqua, non ti può avvicinare.
Nel suo splendido movimento ti allontana, senza nessun volto.

domenica 2 dicembre 2012

L'histoire du Lapin,

une petite fable, avant de dormir,

je ne resterai pas longtemps à raconter du petit Lapin et
d'où il a débouché,
son histoire est longue et
repetée elle
se mord la queue et la queue
tourne sur les oreilles, elle
sautille, et trotte et puis
elle s'arrete,
               comme ça,

le Lapin a débouché dans un suave crepitement , juste de
un chapeau haut de forme, noir,
il débouche dehors dans un
suave crepitement et puis
il me regarde il
fait la grimace en secouant les oreilles,
il reste là, et
il se présente, en me tendant une petite patte,
            Monsieur Le Lapin,
            enchanté, mademoiselle,
il dit,
et il sourit, oui, le Lapin, il sourit,
et pendant que sa patte, petite, me serre la main il
raconte du chapeau noir haut de forme, il dit
je viens d'y sortir,
on m'a juré que
il aurait disparu mais je pense
q'on m'a menti.
Je pourrais l'utiliser de toute façon comme chapeau,
Mademoiselle, je viens d'un pays magique,
c'est la première fois que je suis ici et
je connais seulement toi!
Je te montrerai les enchantements de ma magie
et alors,
tu comprendras.
                              moi, je pense: ça, ne me effraye pas.

Je verrai le Lapin souvent,
 et vous,
  je suis desolée,
   je quitte l'histoire, ennuyeuse,

comme ça
         
          une petite patte et des oreilles sur la queue,
            sur la
              queue d'un Lapin qui sourit et

je suis desolée mais je dois fermer le petit théatre
avec l'epilogue, un soir,
une fete de quartier, le Lapin me dit
au revoir! moi, je serre mes mains dans ses pattes et
pendant que le rideau descend

des héros d'épées, une petite queue poilue
balance heureuse dans un petit cri,
               
                       quel cri font, exactement, les lapins?

un petit cri ralé seulement pour moi, la
petite demoiselle, comme
un pacte éternel, ou
une fin, toujours,
de grimace e patte, queue e cri.

Le pays magique, moi, je ne l'ai jamais vu et ça, peut-etre,
il vaut mieux.

Ou
je l'ai vu, oui, mais je ne le rappelle pas parce-que
c'est seulement de magie, qu'on a vécu.




sabato 1 dicembre 2012


Penso a questa fotografia, la guardo spesso, la immagino.
Ha un bella luce, un fondo di finestra e la tua prospettiva
rimanda uno sguardo molto dolce.
Non ti conosco, so solo
qualche chiacchierare su di te,
che diventa un carattere e una voce solo nella mia testa.
Mi piace immaginare continuamente questa foto, sembra così leggera, così fresca.
Così un attimo.
Stai sorridendo.

Ho fulminato una lampadina, quasi smontato una lampada
dritta verso la sua caduta dal soffitto.
E nel buio di solo lucine, in quella casina
ho pensato a questa foto.
Avrei voluto vederla muoversi, non so.
Magari avrei solo voluto conoscere te.
C' è sempre qualcosa di stranamente soave
in questo sentirmi eternamente attratta.

Le cose si rompono, si perdono, si dimenticano.
Io ho una coperta.Presto ci sarà sole,
e tanti giochi di rifessi da cogliere.

giovedì 29 novembre 2012

sfumature,


Parlo, impossibile, crei un elettrico contatto
proprio come questa amabile lampadina che mi ha smontato casa,
ecco, penso alla pioggia, sempre, era fredda ma
non ricordo freddezza,
ho provato a raggruppare ogni parola
per formare un senso senso
che non esiste esistono solo parole parole
che si nascondono, perchè paura, perchè fuggire, tutto resta
come un giorno di sole, appoggiato con cura
tra lucine dorate in una atmosfera da sogno dove nessuno
vedrà lo splendore.
Fuga, vigliaccheria, doti che non comprendo nè
che mi appartengono io, sfido agitata con
una spada di cartone.
Tanti saluti dalla città grigia, dove una tapparella conta i minuti di una fine, o un inzio,

Buonanotte luna curiosa
di faccia che guardi, attenta, buonanotte nuvole su un verde di nuovo
fiorito, che qualcosa torni, solo per una ammenda, un commiato.

domenica 25 novembre 2012

distorta, sovrapposta,


Quella via non mi conosceva e di me non sapeva
nulla ma
mi ha amata, intima, segreta, di colori cupi e lenzuola bianche,
un portone dove una chiave gira
dentro una realtà che nemmeno
posso sognare.
Non mi è concesso il privilegio impossibile di tornare indietro
nè quello di farmi amare, in cambio, ma
il vento, e la pioggia, mi hanno solo cullata
nei più dolci passi di danza.
Amata e delusa,
proprio come, non so,
uno schiaffo, bella, addio.

sabato 24 novembre 2012

IN THE AFTERNOON

video

IN THE AFTERNOON,

non ti racconto, scrivo, una piroetta e pagine, ti ricordo
ombra, un fuggire, quella via stretta, noi
ombre, ruote al sole guardo
passi, passi, passi, forse accanto a una foglia secca di
autunno, gira, ruota, giostra,
sorrisi.

A LITTLE STORY ABOUT TWO FRIENDS IN A SUNSHINE DAY, BRERA, MILANO.